BENVENUTI NEL MEDIOEVO!

Benvenuti nel sito della festa medievale Un salto nel Medioevo all'ombra del Torrione di Brozzi, che si tiene ogni anno il secondo o il terzo sabato di Settembre nelle strade e piazze del centro storico di Brozzi, antico borgo alla periferia ovest del Comune di Firenze.

Quest'anno l'evento si è svolto sabato 15 Settembre, come sempre dal primo pomeriggio fino a tarda sera. Nell'apposita sezione del sito dedicata all'edizione 2018, raggiungibile dal menu posto qui a sinistra, potete consultare il programma, la mappa ed il materiale promozionale della dodicesima edizione della festa medievale di Brozzi e scoprire chi sono stati i nostri sponsor e i nostri sostenitori.

manifesto e volantino della dodicesima edizione

Inoltre, nelle pagine di questo sito dedicate alle precedenti edizioni della rievocazione storica, anch'esse raggiungibili dal menu a sinistra, potrete stuzzicare la vostra curiosità recuperando alcune informazioni sulle feste medievali degli anni passati, ed in particolare potrete consultarne il programma, la mappa ed il materiale promozionale, nonchè visionare alcune immagini fotografiche ed alcuni video ripresi durante il loro svolgimento.






IN EVIDENZA

"Che bella festa, ma che bella festa!". Questo il commento tipico che si ode nell'abitato di Brozzi nei giorni successivi al dì di festa, mentre faticosamente si rimettono a posto tutte le attrezzature, si pagano artisti e fornitori e ci si riprende dall'immane e sempre più gravosa fatica. Ebbene, pare che la festa quest'anno sia proprio piaciuta, e la cosa ci riempie di soddisfazione e ci fa sentire un poco meno doloranti nelle membra ed esauriti nelle cervella. Certo non sono mancate le critiche, inevitabili tutti gli anni, per un motivo o per un altro, ma sono state onestamente poche e in diversi casi immotivate.

E la festa è riuscita indubbiamente bene, agevolata da un clima davvero estivo, sereno e caldo nel pomeriggio e gradevolmente tiepido in serata, un clima che ha favorito le molte presenze, complessivamente più numerose dello scorso anno, soprattutto nelle ore serali. Moltissimi infatti i volti sorridenti e rilassati che si sono aggirati in una Brozzi da fiaba, come solo una volta l'anno è possibile ammirare, completamente diversa dal solito, libera dalle automobili, dai cassonetti e da altre brutture moderne, e piena invece di una folla festante e vitale.

Ve ne potete rendere ben conto dando un occhio al seguente filmato realizzato, come ogni anno a partire dalla IX edizione, dal periodico online overthesky.it e pubblicato su YouTube: un videocomposizione che raccoglie e assembla alcune fotografie scattate durante lo svolgimento della manifestazione.

Se anche quest'anno si è potuta ripetere l'allegra magia della festa settembrina, che ha trasformato le più antiche strade e corti di Brozzi in un vero e proprio borgo medievale, animato da nobili e servi, artisti ed artigiani, guitti e trampolieri e da molti altri personaggi in livrea medievale, il merito è di tutti i volontari, i cittadini, gli esercenti, le associazioni e le istituzioni del territorio che grazie al loro impegno (o anche solo alla loro tolleranza) hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione, mettendo a disposizione spazi, risorse, attrezzi, braccia, idee e capacità. A tutti costoro, brozzesi e non, rivolgiamo i nostri più sentiti ringraziamenti.

Un ringraziamento particolare va all'Amministrazione Comunale di Firenze, ed in particolare agli uffici della Direzione Cultura e Sport ed agli uffici decentrati del Quartiere 5, che si sono sobbarcati i costi e le procedure necessarie a consentire lo svolgimento della manifestazione in tutta sicurezza ai sensi delle vigenti disposizioni normative, oltre a curare la stampa di buona parte del materiale promozionale e l'ottenimento di quesi tutte le necessarie autorizzazioni e ordinanze.
Tra l'altro, dopo alcune edizioni di assenza, quest'anno il Sindaco Dario Nardella ci ha reso l'onore di una sua visita nel tardo pomeriggio. Eccolo nell'immagine qui sotto alla fucina del fabbro, mentre affila le armi in vista della prossima campagna elettorale!

il Sindaco Nardella alla festa medievale di Brozzi 2018

Anche quest'anno nelle poche ore intercorrenti tra l'apertura delle attività nel primo pomeriggio (15.30 circa) e la conclusione dei festeggiamenti in tarda serata (23.00 circa) la manifestazione ha proposto ai visitatori un'amplia panoplia di attrattive e divertimenti per tutti i gusti: spettacoli, cortei, giochi, concerti, performance artistiche, rievocazioni storiche ed ogni genere di svago.

E' stato infatti possibile assistere al passaggio di cortei di personaggi in armature e vestimenti d'epoca ed alle esibizioni di valenti sbandieratori, ammirare rappresentazioni teatrali di vario genere, lasciarsi emozionare da musiche e balli medievali, farsi trascinare dalle performance di artisti di strada e trampolieri.
In particolare, come tradizione vuole, i visitatori hanno potuto ammirare ancora una volta la magnifica parata del prestigioso Corteo Storico della Repubblica Fiorentina e l'esibizione dei Bandierai degli Uffizi, proprio quelli ufficiali del Calcio Storico Fiorentino.

Dopo la buona riuscita della scorsa edizione, a grande richiesta è stata riproposta nel programma dei festeggiamenti, con buoni risultati, la rievocazione di un vero e proprio sposalizio medievale in piena regola, momento clou della Festa, rievocazione che ha coinvolto un gran numero di figuranti e si è articolata, a partire dalle ore 18.00, in varie attività, tra cui il corteo della sposa, l’incontro con lo sposo, la stipulazione del contratto di matrimonio innanzi al Notaio, la benedizione vescovile e la scoppiettante festa di nozze.

La festa ha proposto numerose occasioni di svago e divertimento soprattutto per i più giovani visitatori, che sono stati chiamati a mettere alla prova i propri riflessi con alcuni giochi d'abilità e di destrezza d’ispirazione medievale, quali il sempre apprezzato ed affollatissimo gioco de I' Bischero a Mollo, gli ormai consueti Giostra del Saracino, Stiaccia la Noce e Gioco del Castello, i nuovissimi passatempi dell'istallazione Gioca la Piazza e molti altri.
I bambini hanno poi potuto dimostrare il proprio coraggio osando penetrare nel tetro e fumante Antro della strega Checca, familiarizzare con i fondamentali dell'antica tecnica arcieristica del tiro con l’arco storico, nonché sperimentare con le proprie mani alcune arti e professioni ormai perdute: ad esempio presso la Schola dei giovani amanuensi essi hanno appreso i rudimenti della calligrafia medievale, presso il laboratorio di lavorazione della creta denominato Gilfino il giglio fiorentino hanno preso manualmente confidenza con la realizzazione di manufatti di argilla, mentre alla postazione del cordaio hanno realizzato vere corde di canapa.
Affollatissime le due postazioni del Teatro dei Burattini, una in Piazza Primo Maggio e l'altra nella piccola corte al civico 421 di Via di Brozzi, presso le quali nel pomeriggio sono state proposte ai nostri giovanissimi ospiti ben sette rappresentazioni di burattini e marionette.

locandina dello spettacolo dei burattini in Via di Brozzi

Grandi e piccini si sono poi scervellati con antichi giochi di tavoliere e di dadi presso i banchi della storica Corporazione della Baratteria.

Molti i visitatori vivamente interessati alle fedeli ricostruzioni storiche di alcuni antichi mestieri ormai dimenticati, quali ad esempio il dipintore, il cesellatore, il tessitore, lo speziale e perfino il boia. Valenti artigiani hanno rievocato la lavorazione della ceramica, del cuoio, del metallo e della pietra, come pure la fabbricazione di cesti di vimini, di trottole di legno, di corde di canapa e di molte altre mercanzie.

Presso i numerosi banchi gastronomici è stato infine possibile degustare, come nelle taverne ed osterie medievali, le pietanze e le bevande di cui facevano uso gli antichi abitanti di Brozzi, alcune delle quali sono al giorno d'oggi ormai dimenticate o desuete (vedi le chiocciole).

Come da consolidata tradizione, i visitatori si sono prestati con simpatia alla divertente finzione della pseudostorica moneta locale, l'ormai mitico Brozzino, valuta avente corso legale nel borgo di Brozzi per il dì di festa, che era possibile procurarsi (al tasso di cambio pari ad 1 Euro = 1 Brozzino) presso i banchi dell’Offizio del Cambio della Moneta disposti in due diverse postazioni nell'area interessata dalla manifestazione.

Molte e succose le novità rispetto alle precedenti edizioni.
Oltre all'aumento numerico degli spettacoli di burattini, dislocati presso due postazioni, è opportuno segnalare quanto meno un infuocato spettacolo finale nuovo di zecca, intitolato 4 Elements, la ricostruzione della realizzazione delle trottole di legno con un tornio ad arco e una nuova installazione ludica in Piazza Primo Maggio, denominata Gioca la Piazza, consistente in più di trenta dinamici giochi da tavolo per tutta la famiglia, realizzati in legno e altri materiali poveri.

Trovate un breve sunto dei principali eventi, spettacoli, cortei, rievocazioni storiche, animazioni e intrattenimenti della dodicesima edizione della festa medievale di Brozzi nella sottostante locandina promozionale della manifestazione , stampata nel taglio 32x45 e distribuita presso le scuole, gli ambulatori, gli esercizi commerciali, gli uffici pubblici e i luoghi d'aggregazione di Brozzi e dintorni. Cliccando sull'immagine stessa oppure su questo collegamento è possibile visualizzare il documento in formato PDF.

locandina della dodicesima edizione

Per maggiori informazioni e dettagli sul programma della festa medievale di Brozzi 2018 vi rimandiamo all'apposita pagina Programma del sito.